Inizio pagina Salta ai contenuti

Borca di Cadore - Bórcia

Provincia di Belluno - Regione del Veneto


Contenuto

Calendario

Calendario eventi
« Novembre  2018 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30    
             

Istituto Ladin de la Dolomites - Ruolo della Provincia nella tutela della minoranza linguistica ladina / Ce che la fas la Provinzia par defende la minoranza ladina

Ruolo della Provincia nella tutela della minoranza linguistica ladina 

La Provincia di Belluno inserisce, tra i Principi fondamentali del proprio Statuto, la volontà di promuovere lo sviluppo della comunità provinciale nel rispetto della storia, delle tradizioni e delle culture locali, con particolare attenzione alle isole alloglotte germanofone e all'area ladina montana.

Per dare attuazione a tali propositi, dall'agosto 1999, l'Amministrazione provinciale, presso la propria sede, ha attivato un apposito Ufficio Minoranze Linguistiche, centro di riferimento e coordinamento per enti locali ed associazioni private che dal 2007 ospita uno Sportello ladino.

Il Consiglio provinciale di Belluno – con delibera n. 30/244 del 27 ottobre 2001 – ha delimitato l'ambito territoriale delle minoranze linguistiche ladine e germaniche sulla base delle rispettive deliberazioni consiliari dei propri Comuni (successive delibere hanno provveduto ad alcune integrazioni). Ciò in adempimento della legge n. 482 del 1999 “Norme in materia di tutela delle minoranze linguistiche storiche”, che ha affidato ai Consigli provinciali il compito di delimitare l'ambito in cui si applicano le sue disposizioni, sentiti i Comuni interessati.

In particolare, per quanto riguarda la minoranza linguistica ladina, il Consiglio provinciale di Belluno ha poi licenziato (10 aprile 2003) lo schema di Statuto del costituendo Istituto Culturale Ladino, in seguito approvato dai singoli enti ed unioni ladine aderenti. In seno al Consiglio di amministrazione dell'Istituto Ladin de la Dolomites, la Provincia è rappresentata dal proprio Presidente, ovvero da un suo delegato.

Sempre ai sensi della legge n. 482 del 1999, annualmente, l'Amministrazione provinciale, come capofila delle Unioni Montane Agordina, Cadore-Longaronese-Zoldo, Centro Cadore, Comelico-Sappada e Valle del Boite, presenta un progetto unitario, redatto in sinergia con l'Istituto Ladin de la Dolomites, per la partecipazione ai relativi finanziamenti.

 

Ce che la fas la Provinzia par defende la minoranza ladina

Ize i fondamente del sò Statuto, la Provinzia de Belun l à scrito che la laurarà par fai vive pulito la dente de duta la so đona, con riguardo par la storia, la usanzes e la cultura de dute, ma soralduto dei paes agnó che se parla anche par todesco e par ladin.

Par podé dì dos a chesta idees, l Aministrazion de la provinzia l à verto, ize l mes de agosto del 1999, an ufizio in via Sant’Andrea, che l laora par la la minoranza ladina. Chesto ufizio al bete apede ente locai e assoziaziones, e dal 2007 l é al luó del sportel ladin de la provinzia.

Al Consilio de la provinzia de Belun, cun la delibera n. 30/244 del 27 de otobre del 2001, l aéa betù do al confin del teritorio agnó che se parla ladin e todesco, cume dito ize i ate de i Consilie de dute i Comunes (pi tarde, s à dontà anche outre paes). Chesto l é stà fato dos la disposizion de la Leie 482/99, che l à passà ai consilie de la provinzies la competenzes de decide agnó fai valé proprio chesta leie, dapò che i era stade sentude i Comunes interessade.

Par i ladine, al Consilio de la Provinzia de Belun l à betù su la carta al statuto del Istituto Cultural Ladin de la Dolomites, che l era dos nasse, e che l é stà ben azetà da dute i Ente e la Uniones Ladines ciapade ize, e pò aproà al 10 de aurì 2010. Ize l Consilio de Aministrazion del Istituto l é al Presidente de la Provinzia, o carchedun nominà da el.

Senpre dos chel che ien dito ize la Leie n. 482 del 1999, dute i anes l ufizio de la Provinzia la parecia an proieto apede l Istituto Ladin par conto anche de la Uniones Montanes (Agordina, Cadore-Longaron-Zoldo, Comelego-Sapada, Val de la Guoite, Cadore de Medo). I proiete i ien mandade a Roma par aé i finanziamente par i laore che i ien fate dal Istituto.

I-32040 Borca di Cadore (BL) - Via Roma n. 82
P.Iva IT 00206250250
comune.borca@valboite.bl.it PEC: borca.bl@cert.ip-veneto.net