Inizio pagina Salta ai contenuti

Borca di Cadore - Bórcia

Provincia di Belluno - Regione del Veneto


Contenuto

Calendario

Calendario eventi
« Maggio  2018 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31      
             

Istituto Ladin de la Dolomites - Le minoranze linguistiche nella provincia di Belluno / La minoranzes ize la Provinzia de Belun

Le minoranze linguistiche nella provincia di Belluno 

Gran parte delle Dolomiti, la porzione orientale e meridionale, risulta compresa nell'ambito dei confini amministrativi della Provincia di Belluno, tanto che interamente dolomitica ne è la parte superiore. Questo territorio, dove, nel corso dei secoli, sono entrate in contatto popolazioni e culture di diversa provenienza, è area in cui ancor oggi, accanto all'italiano, sono d'uso comune parlate arcaiche, quali il ladino ed il sappadino.

Nell'alto Bellunese il ladino (lad. ladin) è di due varietà principali: il ladino di tipo cadorino, parlato nell'Oltrechiusa, nel Cadore centrale, in Comelico e in Ampezzo; il ladino di tipo atesino, parlato nell'alto Agordino. Una terza varietà, detta “ladino-veneto”, poiché si caratterizza per un maggior influsso da parte delle parlate venete, è diffusa nell'Agordino centro-meridionale e nella Valle di Zoldo.

Il sappadino (sap. plodarisch) è l'idioma germanico proprio di Sappada (sap. Plodn), un gruppo di villaggi posti in prossimità delle sorgenti del Piave, sorti nel basso medioevo dall'aggregazione di alcune famiglie provenienti dalle valli dell'odierno Osttirol.

In Alpago, nel basso Bellunese, pur essendo da tempo caduta in oblio la lingua, viene conservata e valorizzata l'identità “cimbra” di alcune località fondate da boscaioli ed artigiani germanofoni provenienti dall'altopiano di Asiago, ai primi dell'Ottocento.

 

La minoranzes ize la Provinzia de Belun

La pì gran parte de la Dolomites, val a dì cheles a oriente e a medodì, l é ize i termin de la aministrazion de la Provinzia de Belun che, de fato, da meda in su l è duta dolomitica. La dente che ize i secoi l à vivù ize chesta tèra, agnó che s à senpre messedà cultures e parlades diverses, anche incuoi la dora parlades assai veces: apede l talian, se ciata anche al ladin e al sapadin.

Ize la parte pi outa de la Provinzia de Belun, al ladin l é de doi sortes: chel “cadorin”, dorà in Oltreciusa, in Cadore de Medo, in Comelego e in Anpezo, e chel “atesin”, che l ien parlà dai fodome, da chi da Col e chi da La Rocia. La terza sorte, ciamada “ladin veneto”, la ien parlada ize la parte pi bassa del Agordin e in Zoldo, e la se cognosse parcé che la s à messedà de pì col veneto.

Al sapadin (sap. plodarisch) l é la parlada todesca de Sapada (sap. Plodn), an ciapo de cuindes viles ize inson la val del Piave, agnó che intor al 1000 s aéa inciasà ancuanta famees ruades da la vales del Osttirol del dì d incuoi.

In Alpago, sul confin intrà la provinzia de Belun e chela de Treviso, anche se la parlada todesca l é deboto an recordo, i tien ancora da conto l identità “zinbra” de alcuante vilaie betude in pè da boschiere e marangoi ruade da Asiago, ai prime del Otozento.

I-32040 Borca di Cadore (BL) - Via Roma n. 82
P.Iva IT 00206250250
comune.borca@valboite.bl.it PEC: borca.bl@cert.ip-veneto.net